Crimine Eventi

Sit-in di solidarietà alla cs servizi funebri. Per una cultura della legalità, contro la cultura criminale

Oggi, Domenica 01 Ottobre, a Casteldaccia, alle 11:00, nella piazza principale del paese, si è svolto un sit-in di solidarietà alla CS Servizi Funebri, ditta che nella notte tra mercoledì 27 e giovedì 28 Settembre ha subito un attentato incendiario. La cittadinanza, in maniera spontanea, ha risposto ad una proposta lanciata via internet. Una proposta di un cittadino verso altri cittadini. Una proposta in cui, dopo aver raccontato dell’accaduto, era scritto: “Donne e uomini casteldaccesi che credete nel valore della civiltà, nel valore dell’onestà, che credete nella libertà della persona, che credete nei concetti di comunità, solidarietà, legalità. Oggi è il momento di far vedere che ci siete, che ci siamo…

[…]… Casteldaccia e i casteldaccesi onesti devono far percepire a chi ha subito questa intimidazione che non è solo.” Fin dall’inizio l’organizzatore, Lorenzo Canale, ha chiarito che la manifestazione non doveva in alcun modo diventare un processo di piazza e sostituirsi alle figure istituzionali che hanno il compito di valutare fatti e dinamiche con i modi e nelle sedi opportune. Un sit-in è stato una manifestazione di solidarietà ma, più in generale, attraverso gli interventi di cittadini ed associazioni, voleva ed è riuscita a valorizzare la cultura della legalità e a contrastare la cultura della criminalità. Un messaggio importante in una terra come la nostra. Proprio per questo si è chiesto che si partecipasse mettendo da parte appartenenze partitiche, affinché la manifestazione fosse trasversale e non strumentalizzata da nessuno, mantenendo così il significato originario. Così è stato! L’amministrazione ha portato il saluto e la vicinanza dell’intero comune, del consiglio e della giunta, attraverso il sindaco Fabio Spatafora. Subito dopo gli interventi di don Salvatore Pagano della parrocchia di Casteldaccia, di Vito Lo Monaco del Centro di studi ed iniziative culturali “Pio Lo Torre”, di Bartolo Lupo del “Comitato degli studenti casteldaccesi” e di Salvatore Di Giacinto per l’associazione “Sviluppo e legalità Gi.Ca”. A seguire tanti interventi di personalità note per il loro impegno nel territorio e che, per l’occasione, si sono spogliati della loro appartenenza di partito e quelli di semplici cittadini che hanno voluto dire alle due famiglie “non siete soli”. Per chiudere con il commosso e commovente intervento di Francesca Coniglio che, con accanto le due famiglie colpite dall’attentato, Coniglio e Speciale, ha invitato tutti a non arrendersi: “Quando si parla di legalità Si parla di giustizia, di qualcosa che profuma di buono, si parla di pace, di onesta. È stato meraviglioso oggi trovarci tutti insieme per promuovere la cultura della legalità… […] …È naturale provare paura quando ci si trova di fronte qualcosa più grande di te, qualcosa di brutto, che a volte ci spiazza ma è proprio in questi casi che il coraggio deve avere la meglio, bisogna lottare perché il bene vincerà sempre sul male. Bisogna mettere da parte la paura e lottare con tutte le forze come hanno fatto i magistrati Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e tanti altri, molti scappano da questa terra tanto bella quanto corrotta, MA NOI RIMANIAMO QUI.” Uno dei due proprietari della CS servizi Funebri, Michele Coniglio, ha ringraziato la piazza, ha ringraziato le circa 80-100 persone che hanno partecipato fisicamente e tutti coloro che hanno inviato messaggi di solidarietà dalla provincia. L’organizzatore, Lorenzo Canale, segnalando quanto sia stato importante il messaggio di civiltà, di coraggio e di legalità che i casteldaccesi hanno voluto dare, ha ringraziato i carabinieri della locale stazione per il supporto dato nell’organizzazione, il questore di Palermo che ha dato il permesso in tempi ristrettissimi ma, soprattutto, ha invitato i presenti ad applaudire se stessi per quello che avevano appena fatto, mostrando coraggio e contrastando apertamente la cultura del silenzio.

Aggiungiti alla nostra pagina e riceverai gratuitamente gli aggiornamenti in tempo reale    

Circa l'autore

Fabiola Ardizzone

Lascia un commento